L'azienda Brancati è stata acquistata da Giuseppe Chisari nel 1920.

La produzione, a quel tempo, era in povere condizioni e solo Giuseppe riusciva ad avere una visione delle potenzialità aziendali. 'Pippino' come veniva affettuosamente chiamato, lavorò instancabilmente alla fattoria, capii che il suo progetto non poteva essere realizzato con il solo guadagno del raccolto. Aveva bisogno di fondi da investire nello sviluppo aziendale. Lavorando con il suo cavallo e carretto alla costruzione della vicina strada comunale, riuscì a conservare abbastanza denaro per comprare uno dei primi trattori a diesel della zona. Così, innovò il suo sistema agricolo, meccanizzandolo. A quel tempo l'azienda produceva frumento, olive e uva da vino (è ancora visibile un palmento per il mosto).

Nonostante le critiche degli altri agricoltori 'Pippino' piantò le prime migliaia di piante di arancio e alcune piante di Mandarini. Fece quest'impianto come investimento per la sicurezza economica futura della unicogenita figlia Venera. Nel 1960 Venere sposa un giovane Dottore, Giuseppe Buonanno.

Giuseppe o meglio 'u dutturi' come veniva chiamato, aveva un'attività professionale nel vicino capoluogo. E nonostante avesse un'agenda lavorativa sempre piena, trovò il tempo per innovare e migliorare l'azienda.

Tenendo conto di suggerimenti da parte di Professori dell'Università di Agraria, fu capace di sviluppare radicalmente l'azienda. Ne incrementò la produzione e la diversificazione divenendo una delle aziende più innovative del periodo.

Vi è un lotto dove sono state piantate, a scopo scientifico, 40 specie diverse di mandarini e clementine. Sono stati testati qualità, tempi di maturazione, diversificazione nel metodo di potatura e alcune delle prime ricerche su metodi di coltivazione più eco-sostenibili. L'azienda possiede uno tra i più grandi uliveti, e la più vasta diversificazione di prodotti della zona.

Adesso la terza generazione di produttori abbraccia quello che è la 'Globalizzazione economica mondiale' per portare avanti i sogni di 'Pippino'. Il figlio di Venera e Giuseppe chiamato Giancarlo Giuseppe continua questo sogno di famiglia, e come 'Pippino' aggiunse extra-guadagni all'azienda, egli affianca la produzione di agrumi con un ufficio tecnico di Architettura e Ingegneria.

Sposatosi con Melita, ora l'azienda beneficia dell'apporto di una coppia di professionisti capaci di rispondere alla nuova scommessa della commercializzazione diretta dei loro prodotti, in un mercato globalizzato in continuo cambiamento. Facendo fronte a nuovi standard ambientali, leggi europee, riducendo emissioni dannose e inquinanti e soprattutto con una produzione di qualità di classe mondiale.

 
© Copyright 2011 Brancati's Citrus Production - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -- - - - - - - - - - - - - - - - - - - Contattaci